Logo

12/12/2017 - Okami è sempre un piacere

Okami HD Header

Come i più attenti tra voi sapranno io nasco, originariamente, come utente monopiatta. Quando ero piccolo i soldi a mia disposizione erano infatti decisamente modesti ma, mettendo faticosamente da parte qualcosa racimolata tra compleanni e festività ed unendo gli sforzi con mio fratello maggiore, riuscii infine ad accaparrarmi un Nintendo 64. Così cominciava il mio grande amore per Nintendo, amore che, ad oggi, continua ad essere fermo, duraturo e perfettamente in grado di assicurarmi momenti di vera delizia videoludica.

Per anni non ho mai sentito il bisogno di una seconda piattaforma da gioco (terza in realtà se consideriamo il PC da sempre presente nelle varie case che mi hanno ospitato) e, provando ad andare con la mente al passato, il primo titolo in grado di stuzzicare il mio interesse per altre console fu proprio Okami.

Una delle motivazioni per questo mio primo momento di curiosità è sicuramente da rintracciare nei punti in comune tra quest’ultimo gioco e la saga di The Legend of Zelda (una delle mie preferite di sempre insieme al fantascientifico Metroid) e, oltre questo, a stuzzicare la mia attenzione era in parte il fascino e la certezza delle  capacità artistiche e di programmazione dei Clover Studio (creatori di Okami appunto) che avevo già imparato ad amare grazie a quella perla di Viewtiful Joe in mio possesso sull’amato cubo viola.

Purtroppo a voler essere sinceri Okami (come molti altri lavori dei Clover Studio), almeno in termini di vendite, non fu un grande successo a suo tempo (immeritatamente potremmo dire), certo, il suo valore venne riconosciuto da tutta la stampa di settore, e forse proprio per questo motivo con il passare del tempo, diventò un classico ricercato ed osannato da molti videogiocatori.

Per fortuna, proprio grazie a questo amore spassionato, Okami risulta essere uno di quei giochi che, più di altri, ha potuto contare su varie nuove versioni migrate da una console all’altra: dopo essere nato nel lontano 2006 su Playstation 2 lo abbiamo difatti rivisto su Wii nel 2008 e su Playstation 3 in una meravigliosa versione HD nel 2012.

OkamiHD

Ma la voglia di Okami non sembra essersi ancora placata e, proprio oggi, arriva quindi una nuova versione di questo piccola perla per Pc, Xbox One e Playstation 4 che si offre a voi anche con un prezzo budget!

Questa edizione può contare su poche aggiunte rispetto al passato (fanno la loro comparsa alcuni mini-game opzionali in fase di caricamento, la possibilità per i nostalgici del tubo catodico di gustarsi il titolo ancora una volta in 4:3 e qualche lieve giovamento visivo dato dalla sua riedizione in 4k oltre che HD) ma, ciononostante, risulta essere forse la sua incarnazione definitiva. Insomma oggi avete l’occasione di recuperare, ad un prezzo vantaggioso, un gioco che, malgrado siano passati anni dalla sua prima uscita, è ancora bello come un tempo; un gioco che, se non avete ancora giocato, forse è il caso di recuperare.

Certo, resta un peccato la scelta di continuare a non localizzare i testi dell’intero gioco nella lingua nostrana… il tutto resterà quindi, ancora una volta, non doppiato, proprio come i classici Zelda, ed accompagnato dal solo testo (molto testo in realtà) in lingua anglofona; una scelta che forse terrà lontano, anche questa volta, alcuni videogiocatori, il che è, se volete la mia, sinceramente, un peccato…

Eccovi qualche rapida informazione così da venire incontro a chi, tra voi, ancora non conoscesse questo gioco (esiste davvero qualcuno che non lo conosce?): Okami è un gioco di avventura “Zelda style” ambientato nel Medioevo giapponese che seguirà le vicende leggendarie della dea del sole shintoista Amaterasu, scesa nel mondo degli umani sotto forma di lupo bianco (Okami appunto) per salvare la terra dall’oscurità; per raggiungere l’eroico scopo userà uno “strumento” molto particolare: il Pennello celestiale, una particolare tecnica divina che permette di compiere miracoli semplicemente disegnando.

OkamiHD Gamescom

Sfruttando in parte questo escamotage i ragazzi di Clover Studio crearono un mondo visivamente delizioso, caratterizzato da un cel-shaded ispirato allo stile pittorico Sumi-e. E proprio lo stile del titolo è forse uno dei motivi per cui ogni videogiocatore affascinato dalla direzione artistica dovrebbe concedere una possibilità a questa perla. Grazie a molti colori inchiostrati ed acquarellati e “magnificamente stesi su carta ruvida” vi troverete quasi ad assistere ad un dipinto animato, un’opera dotata poi di una narrazione ed un design di personaggi e di mondi di gioco originale e molto giapponese; vi assicuro che sarà impossibile non restare affascinati dal tutto…

Ad uno stile sublime si affianca poi una piacevole avventura che si ostina a non invecchiare di un giorno (o quasi), che non ha nulla da invidiare ai vari “The Legend of Zelda” sia in termini narrativi (e meravigliosamente fiabeschi) che di gameplay; un’avventura non perfetta,  non esente da difetti (come i combattimenti alla lunga poco stimolanti) ma che merita tranquillamente la vostra attenzione ed il vostro amore…

Insomma se non lo avete ancora giocato, se l’inglese non vi spaventa, se la saga di Zelda vi ha sempre affascinato, se amate l’arte e siete affascinati da quella giapponese, se la narrazione fiabesca sa conquistarvi, se, semplicemente, apprezzate la bellezza allora fatevi un favore: correte a recuperare Okami nella sua forma migliore, e si, potete anche ringraziarmi dopo.

Fabrizio Fortuna - JeruS

Tagged under: Xbox One pc Playstation4 avventura Okami Clover Studio

Copyright 2014-2016 Videogamestime.com - Via Gramsci 42/3, 40011, Anzola dell'Emilia (BO) - P. IVA: 03432041204 - REA: BO518595 - Powered by Prupix

EU Cookie Law: Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza di navigazione ed i serivizi offerti al visitatore. I cookie ed il loro utilizzo sono accettati automaticamente se scegli di continuare a navigare questo sito.